HOME CHI SIAMO STATO DELL’AMBIENTE I “CASI” DIDATTICA LINK NEWS


"Caso Caffaro” 2015


Non chiamatela “bonifica”

Presentato alla stampa, il 9 febbraio, un importante documento dei Comitati sulla (non) bonifica del Sin Caffaro: no al "turismo" dei terreni contaminati; bisogna distruggere le molecole di PCB e diossine; occorre un Piano generale di bonifica vera, con adeguati finanziamenti  (CaffaroBonifica2015Considerazioni.pdf).


Un quadro sempre più disastroso dell'inquinamento Caffaro

Nuove sostanze tossiche nei terreni, disperse dalla Caffaro, sono state scoperte da indagini più approfondite dell'Ersaf: oltre diossine, PCB e mercurio, anche piombo, arsenico, cloroformio, tetracloruro di carbonio, policlorotrifenili, policloronaftaleni, DDE (DDT), lindano.   (CaffaroBonificaErsafDati2015.pdf).



La giustizia si muove sul “caso Caffaro”

Per chi ha sete di giustizia una buona notizia: sette consiglieri di amministrazione della vecchia Snia Caffaro, il 5 maggio, saranno a giudizio per bancarotta. Un processo importante dai possibili sviluppi positivi per futuri risarcimenti degli oneri di bonifica   (CaffaroSniaPenale2015.pdf).


Il Ministro Galetti annuncia: chi ha inquinato "paghi"!

Ma i buoi sono già fuori dalla stalla?

Grande risonanza nella stampa della "mossa" del Ministro Galletti. Ma era nel 2003, prima della scissione di Snia, che bisognava agire, quando l'Amministrazione comunale dell'epoca non fece nulla.  Ora si ripropone dopo 14 anni un Progetto generale di bonifica: con quali prospettive?    (CaffaroBonifica2015MinistroGalletti.pdf).





Per ora buco nell’acqua del Ministero

E il Piano generale di bonifica?

 

Come purtroppo prevedibile, il Ministero dell'Ambiente, per ora ha registrato un primo insuccesso nel tentativo di chiedere all'ex Snia Caffaro di assumersi gli oneri della bonifica. Per questo è quanto mai urgente elaborare un Piano generale di bonifica, pretendere dal Governo adeguati finanziamenti e ricercare tecnologie alternative alla semplice "migrazione" dei terreni contaminati (CaffaroBonifica2015Chimera.pdf).

 

 

 

 

 

Continua la controversia sull’Ordinanza sindacale

 

L'arsura dell'estate caldissima ha riproposto il tema della controversa Ordinanza sindacale e dell'apertura al pubblico dei Parchi "mediamente inquinati", purché "inerbiti": ma l'erba è stata distrutta e seccata dalla siccità! (CaffaroOrdinanza2015.pdf)

 

 

 

 

Concluso in due anni, a tempi di record,  

il nuovo progetto negazionista dell’Asl

 

Tappa dopo tappa (nuova Ordinanza sindacale "creativa", “Guida al cittadino” distorta, scomparsa delle diossine e sottostima dei PCB), l'Asl di Brescia ha portato a compimento il suo progetto "negazionista":  nel Sin Caffaro è tutto OK! (CaffaroAsl2015.pdf)

 

 

 

Una falda piena di veleni

 

L'Arpa ha pubblicato la nuova indagine sullo stato della falda, a 10 anni dalla prima: se possibile, ancor più contaminata da PCB, mercurio, tetracloruro di carbonio, triclorometano, cromo VI, di-tri-tetracloroetilene. (FaldaBrescia2015.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

Tumori: un tema da approfondire,

al di là del negazionismo dell’Asl

 

Presentata a Brescia, l’11 dicembre, un'analisi critica indipendente  dell'epidemiologo Paolo Ricci sul tema controverso del rapporto tumori, ambiente, Sito Caffaro (CaffaroTumoriRicci2015.pdf).                           

                                                                                                                    

Il punto sulla bonifica, di là da venire

 

Alcuni Comitati incontrano l'Arpa ed il Commissario straordinario. Un utile confronto per fare il punto sulla complessa vicenda, ben lontana dal trovare una soluzione  (CaffaroComitatiArpaCommissario2015.pdf).

 

 
 

Confronto Brescia – Seveso

Dalla Caffaro molte più diossine che dall’Icmesa

 

Un dato clamoroso, reso noto dall'Arpa, rivela che a Brescia sono uscite in ambiente diossine in quantità da 20 a 500 volte quelle uscite a Seveso. Smentito il negazionismo dell'Asl. Intanto nella legge di stabilità non un euro per la bonifica (CaffaroBresciaSeveso2015.pdf).