HOME CHI SIAMO STATO DELL’AMBIENTE I “CASI” DIDATTICA LINK NEWS

news    2019

3 febbraio 2019: Aggiornata l'indagine su Il businnes dei rifiuti a Brescia (TerradeifuochiBrescia2019.pdf): 

Le novita’ (troppe non buone!): Brescia record per i roghi di rifiuti (p. 9)     A Capriano discarica radioattiva in abbandono con il fallimento della Metalli Capra (p. 26) Autorizzata la discarica Macogna per 1.350.000  m3 (p. 36) Bloccato l’ampliamento della discarica Bettoni di Travagliato, ma autorizzata l’ex Cava Bonfadina di Bettoni per 520.000 tonnellate (p. 36)   Delle 729.000 tonnellate di rifiuti bruciati nell’inceneritore A2A (record nazionale), nel 2017, i rifiuti urbani provinciali sono stati solo 164.000 tonnellate, pari al 23%, il resto rifiuti speciali o urbani importati (p. 38) Brescia record nazionale di aria inquinata nel 2018 (p. 38)  Brescia record di fanghi di depurazione sui terreni, peraltro non contrastati da un Decreto inefficace e pericoloso del Ministero dell’Ambiente (p. 43-44) Condanna definitiva per le scorie di fonderia finite sotto la tangenziale di Orzivecchi (p. 46)  Brescia nel 2017 record di ecoreati secondo il Rapporto Ecomafia 2018 di Legambiente (p. 51) Autorizzata la discarica Castella 2 per 904.000 m3 (pp. 53-55) Autorizzato l’ampliamento della discarica Gedit di Calcinato per 580.000 m3 e autorizzata la discarica dell’ex Cava Inferno per 1.000.000  m3 (p. 55) Autorizzato l’ampliamento della Portamb di Mazzano per 500.000 tonnellate (p. 56) Autorizzata la discarica Edil4 di Castenedolo per 1.539.520 m3 (pp. 56-57) La somma delle nuove autorizzazione è vicina a 9milioni di tonnellate di rifiuti, che si aggiungono agli 87milioni di m3 già tumulati, record nazionale, ma forse internazionale! (p. 57) Epidemia di polmonite e legionella, caso unico al mondo (p. 63) Anche per il “governo del cambiamento” la lobby bresciana dei rifiuti è intoccabile (p. 73) Ma il Tavolo Basta veleni non molla




23 gennaio 2019: Prima l'Ispra, poi Legambiente certificano che l'aria di Brescia è la più inquinata d'Italia. Sconcerto tra chi aveva sempre raccontato che "l'inceneritore  puliva l'aria di Brescia" (AriaBresciaRecord2018.pdf)



11 gennaio 2019: Bombe atomiche a Ghedi: Per la prima volta in un documento la conferma ufficiale  (AtomicheGhedi2019Conferma.pdf)






gennaio 2019: Pubblicata dalla rivista di Goffredo Fofi, "Gli Asini", una recensione dell'importante libro Malaterra. Come hanno avvelenata l'Italia di Marina Forti.   ggiornata l'indagine su Il businnes dei rifiuti a Brescia (MalaterraAsini2019.pdf)



news    2018


dicembre 2018:
L'aggressiva nuova campagna sugli inceneritori avviata da Salvini  merita alcune risposte:
-un breve, ma efficace servizio del
Tg1 del 19.11 dal minuto 5,10 al minuto 7,20
http://www.tg1.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c002a688-df95-4dad-91d5-e7c78af6c6c0-tg1.html#p=0
-una lunga intervista al mensile "L'Eco di San Gabriele" (Inceneritori2018Eco.pdf)
-un artcolo pubblicato su "Contropiano"

http://contropiano.org/news/ambiente-news/2018/12/20/la-capitale-degli-inceneritori-e-la-citta-piu-inquinata-ditalia-0110793




dicembre 2018: Pubblicata dalla rivista "Ecologia politica" una riflessione su Crisi ecologica e movimento ambientalista.
http://www.ecologiapolitica.org/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/02-Laudato-Si-Ruzzenenti.pdf



dicembre 2018: Della crisi dell'universalismo e delle pulsioni nazionaliste che inquietano l'Occidente, tratta il dossier di “Missioneoggi” del novembre-dicembre 2018 (CrisiUniversalismoMissioneoggi2018.pdf)



12 dicembre 2018: 
Immondezza: l'economia circolare sbanda all'ultima curva.  Un docufilm che sollecita una lettera aperta agli autori, Mimmo Calopresti e Roberto Cavallo (ImmondezzaLetteraAperta2018.pdf



11 dicembre 2018:   Altra cattiva notizia: in un Rapporto di Greenpeace emerge che si trova a Brescia la roggia più inquinata d'Europa. Alta in generale  la contaminazione  da pesticidi, secondo Ispra (AcqueBrescia2018Inquinate.pdf)


1 dicembre 2018: Caso Caffaro. Secondo Ats non vi sarebbe nessun rapporto tra contaminazione da PCB e linfoma non-Hodgkin,  smentendo una precedente indagine che sosteneva il contrario (CaffaroPCBLinfomiNH2018.pdf)




novembre 2018: Sin Caffaro:
- lo stato dell'arte
sul processo di
bonifica
(CaffaroBonifica2018CheFare.pdf).
- torna l'idea, vecchia di 15 anni, del bosco urbano per i terreni agricoli
(CaffaroBonifica2018TerreniAgricoli.pdf)
- per fortuna c'è chi riesce simpaticamente a riderci sopra immaginando un Olio Caffaro per condire le nostre pietanze
(CaffaroPCBOlio2018.pdf)





20 novembre 2018: 
Presentate al Ministro dell'Ambiente Sergio Costa, in visita a Brescia, le richieste del Tavolo Basta veleni per fronteggiare l'emergenza ambientale bresciana (TavoloBastaVeleniMinistroAmbiente2018.pdf). Ma, purtroppo, nessuna risposta!




16 novembre 2018: Il Tavolo Basta veleni incontra l'Assessore regionale all'Ambiente Cattaneo: disponibilità al confronto, ma totale chiusura ad ogni ipotesi di moratoria su nuove discariche  (TavoloBastaVeleniRegioneLombardiaIncontro2018.pdf).



13 novembre 2018: Discussa e approvata alla Camera dei deputati la mozione sull'emergenza rifiuti a Brescia: all'ultimo momento la maggioranza di governo cancella la moratoria, confermando che la lobby bresciana dei rifiuti è intoccabile! (TavoloBastaVeleniMozioneParlamentari2018.pdf).



24 settembre 2018: Il Consiglio Provinciale di Brescia approva all'unanimità la moratoria a nuove discariche (DiscaricheProvinciaMoratoria2018.pdf). 




10 luglio 2018: Dal  Rapporto Ecomafia 2018 di Legambiente: Brescia record di ecoreati.  (RifiutiBrescia2017RecordEcoreati.pdf)



27 giugno 2018: Aggiornata l'indagine su Il businnes dei rifiuti a Brescia (TerradeifuochiBrescia2018.pdf), con un estratto sintetico dei nuovi dati che rivelano una situazione sempre peggiore: a Brescia sversati nel 2016 oltre un quinto di tutti i rifiuti speciali d’Italia (TerradeiFuochiBrescia2018Estratto.pdf)   

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           aprile-giugno 2018: Pubblicate due inchieste su temi solo apparentemente estranei all'ambiente: l'aumento delle povertà e la produzione più nociva al mondo, quella della armi. Della crisi sociale che produce nel mondo impoverimento e aumento delle disuguaglianze tratta il dossier di “Missioneoggi” del marzo-aprile 2018 (DisuguaglianzeMissioneoggi2018.pdf) La rivista di Goffredo Fofi "Gli Asini" a giugno pubblica un'inchiesta, a quattro mai con Carlo Tombola sugli affari delle armi a Brescia  (ArmiBresciaGliAsini2018.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         25 maggio 2018: Presentata una denuncia all’Unione europea: Commissario straordinario Sin Caffaro. Missione compiuta: 
il sito inquinato non c'è più, senza aver fatto nulla; 
semplicemente i cittadini devono convivere con PCB e diossine; 
azzerati anche i possibili finanziamenti
 (CaffaroUe2018Denuncia.pdf
CaffaroUe2018Documentazione.pdf
).          

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

14 aprile 2018: Aria malata: sempre più evidenti i danni provocati alla salute dallo smog e dalle PM10, denunciati da recenti studi.

L’ultima ricerca, clamorosa, che interessa 28 Stati europei, è quella sull’eco-scandalo, venuto alla luce nel 2015 col caso Volkswagen (il dieselgate), che continua a far pagare il suo prezzo in vite umane: l’Italia guida tristemente la classifica europea con 2.810 vittime, quasi un terzo del totale, con la zona di Milano-Monza maglia nera  (AriaDieselgateMorti; AriaDieselgateMorti2).

Inquietante il risultato della prima indagine basata sull’analisi del Dna di oltre mille individui, pubblicata sulla rivista “Nature Communications”, condotta in Canada, dal gruppo dell’Ontario Institute for Cancer Research: PM10, biossido di azoto e biossido di zolfo possono “prendere il controllo” del Dna, attivando in questo modo alcuni geni piuttosto che altri e aprendo la strada a malattie cardiache e respiratorie (AriaSmog2018DnaMalattie).  


Cattive notizie anche dall’ultimo
Rapporto dell’Agenzia Europea per l'Ambiente, Air Quality in Europe 2017: le alte concentrazioni di PM2,5 sarebbero responsabili di circa 428 mila decessi prematuri in 41 paesi europei, di cui circa 399 mila nell’UE a 28, dove il 7% della popolazione urbana è stato esposto a livelli di PM2,5 superiori ai limiti annuali comunitari, dato che sale al 9% se si considera invece il biossido d’azoto, responsabile di 78 mila decessi prematuri in 41 paesi europei. La più critica, al solito, la situazione della nostra pianura padana (AriaUe2017Morti).


Infine un ampio studio canadese pubblicato su “The Lancet” indaga più a fondo il rapporto tra traffico, inquinamento atmosferico e rischio di
malattie a carico del cervello:  chi vive entro 50 metri da una strada altamente trafficata, come un'autostrada, corre un rischio più alto del 7% di sviluppare demenze rispetto a chi vive a più di 300 metri di distanza da una via congestionata (AriaSmog2017Demenze). 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

26 marzo 2018: Tempi duri per A2A.  

L’ultima tegola sull’inceneritore A2A arriva dall’inchiesta di Report su Rai 3, Girano le ecoballe. Per la prima volta dalla Tv pubblica  una posizione critica nei confronti della politica dei rifiuti di A2A, denunciando il rischio di infiltrazioni criminali ("ecoballe illecite") e di incrociare partner problematici come Manlio Cerroni, pur di fare incetta di rifiuti e spingere sull’incenerimento, mentre l'economia circolare voluta dall'Ue va nella direzione opposta, quella realizzata dal consorzio Contarina, ormai vicino al riciclo pressoché totale dei rifiuti (A2AReport2018.pdf). 

Un mese prima, un’altra tegola: l’Anac (Autorità anticorruzione), guidata da Raffaele Cantone, deliberava la bocciatura dell’acquisto del 51%di Lgh (Linea Group Holding, multiutility dell’Ovest bresciano), da parte di A2A: non poteva avvenire in forma diretta, ma serviva un bando (A2ALghAnac2018.pdf).

Ancor prima, una tegola inattesa,  in casa, nella “sua” Brescia: l'inceneritore di A2A oggetto di un'efficace campagna di denuncia con mega manifesti deI gruppo  Emergenza Ambiente (Inceneritore2017CampagnaDenuncia.pdf).          





23 marzo 2018: La controversia sulla gestione pubblica dell’acqua alla prova del fuoco nel referendum convocato per il mese di ottobre 2018, una scadenza di grande impegno per tutti coloro che hanno a cuore un bene essenziale per la vita (AcquaBrescia2018Referendum.pdf) e una prima vittoria del Comitato referendario acqua pubblica (https://www.facebook.com/acquapubblicabs/). 

Sfide importanti attendono la rinnovata gestione pubblica dell’acqua a Brescia per rimediare all’attuale stato estremamente critico, sia sul versante della mancata depurazione (AcquaDepurazioneBs2017; MellaDepuratoreValtrompia2018.pdf) con sgradite conseguenze sulla qualità dell'acqua potabile (AcquaBrescia2018Inquinata) e con il rischio di pesanti sanzioni europee, sia sul versante delle ingenti perdite degli acquedotti, con troppo spreco di una risorsa tanto preziosa (AcquaDispersioniBs2017).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

marzo 2018: La rivista di Goffredo Fofi "Gli Asini" pubblica un breve saggio su Crisi ecologica e crisi della politica  (CrisiEcologicaCrisiPoliticaGliAsini2018.pdf) 




24 febbraio 2018:
A due anni dalla grande manifestazione del 10 aprile, ITavolo Basta Veleni  presenta alla cittadinanza ed ai candidati alle elezioni un importante documento di valutazione del lavoro fatto e di proposte per rilanciare l'iniziativa  (TavoloBastaVeleniDueAnniDopo2018.pdf).


 

21 febbraio 2018: Il gruppo di studio del Tavolo Basta Veleni  presenta le proprie osservazioni critiche  allo "studio" commissionato dal Comune di Brescia a due professori universitari, Ruolo del termoutilizzatore di Brescia nel contesto energetico-ambientale del Comune di Brescia

www.comune.brescia.it/servizi/ambienteeverde/Ambiente/Pagine/Fabbisogno-energetico-ambientale-nel-Comune-di-Brescia.aspx

Lo "studio" in realtà sembra rispondere esclusivamente agli interessi di A2A  e non presenta alcuna prospettiva di innovazione verso la città solare. (Inceneritore2018StudioComuneBresciaOsservazioniGruppoBastaVeleni.pdf).
(Inceneritore2018StudioComuneBresciaOsservazioniRuzzenenti.pdf).
(Inceneritore2018StudioComuneBresciaOsservazioniCerani.pdf). 



27 gennaio 2018: Sin Caffaro

Secondo uno  studio pubblicato dall’Ats di Brescia i PCB potrebbero avere un ruolo chiave anche nel moltiplicarsi di malattie croniche come l’ipertensione arteriosa, alti livelli di colesterolo nel sangue e demenze(CaffaroAts2018Ipertensione.pdf).

L’Arpa ha reso pubblica l’ultima indagine sullo stato della falda, confermando diverse criticità: dispersione di PCB  (1,999 μg/l, limite di 0,01 μg/l) dallo sbarramento idraulico della Caffaro lacunoso; picco di Cromo VI, sotto la galvanica Baratti Inselvini (183.000 μg/l, limite 5 μg/l), che non ottempererebbe alle prescrizioni, … (CaffaroFalda2017.pdf).



20 gennaio 2018: Partecipata manifestazione pacifista davanti alla base di Ghedi rilancia l’allarme per bombe atomiche (AtomicheGhedi2018Manifestazione.pdf). 

Già nel 2014 era emerso da un’inchiesta indipendente americana che a Ghedi vi fossero ancora stoccati 20 ordigni nucleari B-61 (AtomicheGhedi2014Fas.pdf) e nel 2017 una notizia di stampa annunciava la futura la sostituzione a Ghedi delle  20 bombe nucleari B-61 con 60 nuove B61-12 (AtomicheGhedi2017Dinucci.pdf), allarme confermato dal Rapporto Milex nel febbraio 2018, con photo opportunity(?) del Sesto stormo Diavoli rossi di Ghedi schierato dietro una B-61 (AtomicheGhedi2018Milex.pdf; https://youtu.be/AX-OU04a0C4) e ripreso anche dalla stampa locale (AtomicheGhediStampa.pdf).



19 gennaio 2018: Pubblicato dalla Casa della Cultura di Milano il breve saggio, I numeri della criminalità ambientale 
(http://www.casadellacultura.it/713/i-numeri-della-criminalit-agrave-ambientale)




news    2017

28 novembre 2017: aggiornamento del Dossier sull’Immondezzaio d’Italia:  la devastazione dei rifiuti nel Bresciano continua e non si vede ancora un’inversione di rotta  
(TerradeifuochiBrescia2017.pdf)

 

 

28 novembre 2017: il quotidiano “Avvenire” riprende in un’inchiesta la devastazione dei rifiuti nel Bresciano, “Terra dei fuochi del Nord” 
(TerraFuochiAvvenire2017.pdf)






25 novembre 2017:
Sin Caffaro: la Commissione tributaria cancella l'Imu sui terreni inquinati. Un po' di giustizia per i contadini. Una vergogna per il Comune di Brescia! Ora bisogna cambiare rotta ed occuparsi del "popolo inquinato"! 
(CaffaroBonifica2017ImuContadini.pdf)


novembre 2017:
Alla fine ce l’hanno fatta. Piergiorgio Cinelli e Dellino Farmer hanno realizzato Basta Veleni. Il Documentario e Basta Veleni. La canzone. «Nel primo ci siamo concentrati sui casi dei PCB e delle discariche in zona Castenedolo-Montichiari - racconta Cinelli -. Per la canzone il discorso invece si allarga e invita tutti, istituzioni in primis, a un cambio di rotta verso una svolta ecologica e sostenibile». (https://www.youtube.com/watch?v=EyCZwQlFYsE). 



11 novembre 2017: Il Tavolo Basta Veleni  presenta la propria posizione sulla strategia di A2A e Comune di Brescia: chiusura immediata della Terza linea dell'inceneritore e fuoriuscita graduale dal teleriscaldamento, verso la "città solare".  Attacco aereo all'ecomostro perfettamente riuscito! (Inceneritore2017TavoloBastaVeleniDocumentoStampa.pdf). 



10 novembre 2017:  Svolta o retromarcia green di A2A e Comune di Brescia? Un sorprendente primo passo (falso?) della campagna elettorale del sindaco Del Bono.  (A2AComuneGreen2017Commento.pdf). 

 

18 ottobre 2017:  Emergenza discariche.  La Regione Lombardia vara un “nuovo fattore di pressione” che dovrebbe salvaguardare il territorio bresciano. Ma è proprio così o la devastazione continua? La moratoria per contrastare davvero la lobby dei rifiuti. (DiscaricheFattorePressioneMoratoria2017.pdf). 

 

 

 

10 ottobre 2017:   “Brescia nuova Terra dei fuochi”.  A dirlo è il procuratore aggiunto Sandro Raimondi nell’audizione della Commissione bicamerale d’inchiesta sul ciclo dei rifiuti, segnalando tra i diversi operatori inquisiti la stessa A2A.  Grande lo scompiglio e imbarazzante il silenzio del Comune di Brescia (TerraFuochiRaimondiStampa2017.pdf; 
TerraFuochiRaimondiCommParlam2017.pdf). 





11 settembre 2017: 
Rosy Battaglia di Cittadini reattivi al lavoro per documentare 5 anni di lotte ambientaliste a Brescia: Diamole una mano! (TavoloBastaVeleniCittadiniReattivi2017.pdf). 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

10 settembre 2017:  A2A nel corso del 2017 ha collezionato una serie di infortuni che non fanno certo bene alla sua immagine. E' lo scotto che si paga al primato del profitto! Ma ha ancora senso per il Comune di Brescia restare intrappolato in questo colosso che non controlla?  (A2AInfortuni2017.pdf). 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

8 settembre 2017: Il Tavolo Basta veleni presenta alla stampa i risultati dell'incontro con  l'Assessore all'ambiente della Regione Lombardia: grande la distanza tra le richieste e le risposte ricevute (TavoloBastaVeleniRegioneLombardiaIncontro2017.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

7 settembre 2017:  Per il Sin Caffaro le cattive notizie non finiscono mai:
- un'inchiesta di Andrea Tornago riscopre le vergognose coperture godute dalla Caffaro per i PCB negli anni Settanta, e la vergogna continua ancora oggi con le istituzioni che non fissano i limiti per i PCB nello scarico, fonte del disastro ambientale! 
(
CaffaroPCBMonsantoLeaks2017.pdf);
- riproposto
dalla stampa nazionale il groviglio di conflitti di interesse che hanno impedito che alla Caffaro "chi inquina paghi!" Così i pochi soldi pubblici il Commissario Moreni li destina solo al sito industriale, causa dell'inquinamento, abbandonando i cittadini inquinati a convivere con i PCB.  (CaffaroLegaleMancataBonifica2017.pdf). 

Sembra, comunque, che si avvii la progettazione per la messa in sicurezza definitiva del sito industriale. Forse possono tornare di attualità alcune proposte per il riuso del settore direzionale in muratura della Caffaro. (CaffaroProgettiSitoIndustriale.pdf). 

Il "caso Caffaro" fa sempre notizia: 

- un'importante inchiesta di Marina Forti pubblicata su "Internazionale"
(
CaffaroInternazionale2017.pdf). 

- un murale dell'artista Andreco per immaginare  la bonifica (CaffaroMurale2017.pdf). 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

settembre 2017: Finalmente anche la stampa "scopre" che  Brescia è la capitale dei rifiuti, l'immondezzaio d'Italia: "Meglio tardi che mai!".  (RifiutiSpecialiRecord2017Stampa.pdf).



                                                                                                                                              

1 settembre 2017:  Gaia, dell'Ecoistituto del Veneto, pubblica Quelli delle cause vinte, una rassegna di tanti successi nelle battaglie ambientaliste, anche a Brescia(CauseVinteGaia2017.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

28 agosto 2017: Come l'abitazione crollata di Casamicciola, tre piani di cui solo uno autorizzato,  l'inceneritore di Brescia sarebbe per due terzi "abusivo", tre volte più grande di quanto legalmente autorizzato. Un'altra buona ragione per chiudere la terza linea (Inceneritore2017TerzaLineaAbusiva.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

31 luglio 2017: Il Tavolo Basta veleni ha un proficuo e importante incontro con  l'Arpa di Brescia, nel quale vengono approfondite tutte le criticità ed emergenze ambientali bresciane (TavoloBastaVeleniArpaIncontro2017.pdf).

                                                                                                                                                             

21 luglio 2017: L'ospedale civile di Brescia, segnalando l'anomala alta incidenza dei tumori al seno nel Bresciano, ipotizza tra le cause il "passato industriale".
L'Oms ha evidenziato una relazione tra PCB e tumori al seno
E l'Ats ha qualcosa da dire al riguardo? 
  (TumoriSenoBrescia2017.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

20 luglio 2017: Caffaro: l'Ersaf  presenta in un convegno lo stato dell'arte delle sperimentazioni di biobonifica. Iniziative interessanti, ma risultati da verificare. Emerge un dato allarmante: i PCB misurati dall'Arpa sottovalutati del 60%!  (CaffaroBonifica2017Ersaf.pdf).                                                                                                                                                                   

                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

17 luglio 2017: Presentati in un seminario-conferenza stampa i “Materiali per uno studio: Liberare Brescia dalla combustione di rifiuti e carbone e dal sistema teleriscaldamento,verso la “città solare. Chiusura immediata della terza linea dell’inceneritore, curato da un gruppo di ricerca insediato dal Tavolo Basta veleni (Inceneritore2017TerzaLineaStudio.pdf). 


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

11 luglio 2017: Scoppia la bomba delle ecoballe illecite giunte all'inceneritore A2A. Ma non è il primo grave infortunio che capita alla nuova gestione di A2A (Inceneritore2017ecoballe illecite.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

7 luglio 2017: Il Tavolo Basta veleni presenta all'Amministrazione provinciale un documento critico sul Piano Cave, chiedendo di aprire un confronto pubblico  (TavoloBastaVeleniCave2017.pdf). 

7 luglio 2017: Il quotidiano "l'Avvenire" pubblica un'inchiesta sulla mega discarica di amianto di Vighizzolo di Montichiari  (DiscaricheAmianto2017.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

27 giugno 2017: Nuovo "Patto per Brescia" sull'inceneritore A2A. Ma potrebbe essere, invece, un  involontario "pacco"? (Inceneritore2017TerzaLineaPattoPerBrescia.pdf). 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

17 giugno 2017: Su sollecitazione del Tavolo Basta veleni 13 parlamentari bresciani  presentano una mozione unitaria sull'emergenza discariche e rifiuti  e sull'urgenza delle bonifiche (TavoloBastaVeleniParlamentariMozione2017.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

10 giugno 2017:  Bonifica Caffaro: i comitati incontrano il commissario Moreni il quale ribadisce di non volersi occupare dei cittadini inquinati (CaffaroBonifica2017Commissario.pdf).                                                                                                                                                                                                                            


15 maggio 2017:  "Internazionale" pubblica un'ottima inchiesta di Marina Forti, Viaggio nella provincia assediata dai veleni.  (DiscaricheBsInternazionale2017)                                                                                                                                                                      

15 maggio 2017: L’assemblea di A2A festeggia i profitti in crescita e vorrebbe celebrare la propria “immagine verde”. Ma a guastare la festa interviene un esponente del Tavolo Basta veleni a chiedere conto di scelte non proprio amiche dell’ambiente (A2AAssembleaCritica2017.pdf). 

Pochi giorni prima i comitati di Montichiari avevano denunciato il tentativo di A2A di coprire la discarica Cava verde, destinata a parco, con terreno inquinato (A2ACavaVerdeTerreniContaminati2017.pdf). 

Le PM10 prodotte dall’inceneritore A2A mandano in crisi d’identità un Assessore del Comune di Brescia  (Inceneritore2017PM10.pdf). 

Il presunto scoop del “Corriere” sulle emissioni di PCB dall’inceneritore (2 milioni di volte meno delle acciaierie) si trasforma in un boomerang per A2A (Inceneritore2017PCB.pdf).




 

10 maggio 2017:  Il Tavolo Basta veleni incontra il Ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti a Roma: è la prima volta che gli ambientalisti bresciani trovano udienza presso un Ministro dell'Ambiente. Anche in quella sede hanno chiesto un intervento di emergenza per una moratoria delle discariche e per le bonifiche  (TavoloBastaVeleniMinistroAmbiente2017.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    

13 marzo 2017:  Presentata alla stampa una Nota degli ambientalisti sulla bonifica del Sito Caffaro: bene il progetto per la messa in sicurezza dell'area industriale (CaffaroBonifica2017ProgettoAffidato.pdf ), malissimo la mancanza di ogni intervento per i terreni esterni dove vivono oltre 25.000 cittadini, vittime dell’inquinamento, abbandonate dalle istituzioni. (CaffaroBonifica2017ProgettoMancante.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

18 febbraio 2017:  Il Tavolo Basta veleni chiede ad A2A un confronto pubblico.  Ma A2A si sottrae: forse teme che la sua propaganda non regga al confronto con i dati (A2AMancatoConfronto2017.pdf).    

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       

8 febbraio 2017:  Poste ad A2A tre domande, evidentemente troppo imbarazzanti se, invece di rispondere, minaccia querele. Il sindaco di Brescia non ha nulla da dire? (A2AMancateRisposteMaMinacce2017.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              

22 gennaio 2017:  La stampa dà una notizia clamorosa:  A2A ambiente si è messa in affari con Manlio Cerroni, il “re della monnezza di Roma” (A2ACerroni2017.pdf).






13 gennaio
2017:  Massimo Cerani, sostenuto dal Tavolo Basta  veleni, si dimette dall'Osservatorio rifiuti del Comune di Brescia e denuncia: mancanza di trasparenza per nascondere il fallimento del sistema misto nel raggiungere gli obiettivi di legge (RifiutiBresciaRd2017Cerani.pdf).                                                                                                                                                   

news    2016




news    2015


                                    news    2014  

news    2013

 

news    2012

 

news    2011

news 2010

 

news 2009



 news2008


                                                             news2007