HOME CHI SIAMO STATO DELL’AMBIENTE I “CASI” DIDATTICA LINK NEWS
news      2021

19 settembre:  Il "Corriere della Sera" del 17 annuncia l'Era Draghi: all'insegna del "totalitarismo tecnico-affaristico"? Un argine a questa deriva dalla battaglia di Brescia sui depuratori del Garda, una battaglia che interessa l'intero Paese. L'Assemblea popolare, dopo 40 giorni di presidio anche di notte della prefettura, decide di continuare ad oltranza e di portare le proprie ragioni a Roma
(GardaDepuratore2021EraDraghi.pdf)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             15 settembre:  Grande partecipazione alla manifestazione di sabato 11 settembre contro il Commissariamento della democrazia e l'inutile scempio dei due depuratori a Gavardo e Montichiari e per la salvezza del fiume Chiese. (GardaDepuratore2021Manifestazione.pdf)
Anche la segreteria della Cgil di Brescia prende posizione chiedendo che si ripristini un percorso democratico di "più ampia condivisione" (GardaDepuratore2021ComunicatoCgil.pdf). 
Convocata una nuova Assemblea popolare per domenica 19 alle ore 17 per decidere ulteriori iniziative. Intanto prosegue il presidio della Prefettura, giorno e notte, da 38 giorni


2 settembre:  Dobbiamo spendere 100 milioni!  Questa è la motivazione che la ministra Mariastella Gelmini  ha sostenuto in un'intervista a "Il Manifesto" per giustificare la richiesta del Commissario e l'inutile scempio dei due depuratori  (GardaDepuratore2021ManifestoGelmini.pdf)
Giovedì 9 settembre alle ore 20 e 30,  l'alpinista e naturalista Fausto De Stefani  in piazza Duomo a sostegno del presidio e della grande manifestazione di sabato 11 alle ore 15 e 30. (GardaDepuratore2021IncontroDe Stefani.pdf). 
Anche la Commissione scuola dell'Anpi prende posizione in difesa della democrazia e dell'ambiente
(GardaDepuratore2021CommScuolaAnpi.pdf)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              28 agosto: Dal 9 agosto tutti gli ambientalisti bresciani presidiano ad oltranza, giorno e notte, la Prefettura di Brescia contro il Commissariamento e lo scempio dei due depuratori a Gavardo e Montichiari con scarichi nel martoriato fiume Chiese, inutili, costosi e devastanti per l'ambiente (GardaDepuratore2021PresidioComunicato.pdf). 
L'assemblea popolare, partecipata e combattiva, promuove una grande manifestazione per sabato 11 settembre alle ore 15 e 30 in piazza Duomo
(GardaDepuratore2021AssembleaManifestazione.pdf) 

                                                                                                                                                                                                                                18 agosto: Estate infuocata per l’annosa questione della depurazione del Lago di Garda che subisce una grave torsione autoritaria costringendo a presidiare ad oltranza la Prefettura di Brescia. Da qui  sei buoni motivi per opporsi allo scempio imposto da un Commissario-prefetto, del tutto ingiustificato, che fa carta straccia di una saggia delibera del Consiglio provinciale e impone d'autorità la soluzione più costosa e devastante per l'ambiente, due depuratori a Gavardo e Montichiari con scarichi nel martoriato fiume Chiese (GardaDepuratore2021SeiMotiviPerOpporsi.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    26 luglio: A2A per l’ennesima volta cerca di rappresentarsi sostenibile, ma si tratta di un «imbroglio ecologico» malamente camuffato: in realtà l’incenerimento dei rifiuti per l’Ue non è economia circolare; a Monfalcone A2A, contro la comunità locale, intende rilanciare una megacentrale a gas. (A2ASostenibeImbroglioEcologico2021.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  14 maggio: Il Tavolo Basta veleni incontra il sindaco Emilio Del Bono (CaffaroBonifica2021BastaVeleniSindaco.pdf). Il confronto sulla piattaforma in 6 punti del Tavolo è molto teso, anche in considerazione di quanto poco si sia fatto dopo vent'anni: meno dell’1% dei terreni inquinati bonificati; non si prevede nulla, neppure per il futuro, per i terreni esterni alla Caffaro dove i cittadini, vittime dell’inquinamento, sono abbandonati a convivere con diossine e PCB; mancanza di trasparenza della gestione commissariale (CaffaroBonifica2021Imbroglio.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  11 aprile: Si ripropone periodicamente da parte di esponenti dell'Università di Brescia la tesi che le alte PM10 che si registrano in città provengano dalle emissioni di ammoniaca dell'agricoltura, affermazione smentita, però, dai dati di realtà, ricavati da un utile confronto tra il Mantovano agricolo e Brescia. (PM10AgricolturaMantovanoBrescia2021.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    6 marzo: Siamo venuti a conoscenza delle motivazioni della sentenza di condanna della Caffaro di Colleferro, di cui riportiamo l'estratto relativo al dirigente Caffaro dell'epoca, dal 2001 al 2005 (CaffaroColleferroMotivazioniSentenzaEstratto.pdf). Non siamo esperti di diritto, ma è facile constatare che il disastro ambientale contestato è analogo a quello bresciano, medesima la via, scarico idrico in corpo superficiale, simili per tossicità ambientale e sanitaria gli inquinanti, composti organici del cloro, facenti parte della "sporca dozzina" messi al bando proprio nel 2001 dalla Convenzione di Stoccolma (a Colleferro il betaesaclorocicloesano a Brescia i policlorobifenili), analoghe le conseguenze sull'ambiente, anche se molto più rilevanti a Brescia, in piena città (contaminazione dei terreni irrigati con l'acqua inquinata, quindi dei prodotti agricoli, del latte, infine del sangue umano...).
A differenza di Colleferro,
a  Brescia il procedimento venne archiviato

(CaffaroArchiviazione2010.pdf): chissà, forse ci sarebbe stato un esito diverso se ad opporsi all'archiviazione, costituendosi parte offesa accanto agli ambientalisti, si fosse impegnata l'Amministrazione comunale dell'epoca (Paolo Corsini sindaco ed Ettore Brunelli Assessore). Ora la questione dello scarico idrico che veicola inquinanti e della barriera idraulica inefficiente (da sempre, come riemerge oggi!) è di nuovo all'attenzione della Magistratura: si scriverà un capitolo tutto nuovo?

                                                                                                                                                                                                                                     

3 marzo: A2A e Confindustria Brescia danno vita al Centro per lo Sviluppo sostenibile.  Finché il cuore degli affari a Brescia è la monocoltura dei rifiuti (discariche, impianti di "smaltimento", acciaierie e inceneritore) non di svolta si tratta ma di "imbroglio ecologico"  (A2ASvoltaGreen2021.pdf).                                   
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  

27 febbraio: Lo stabilimento Caffaro non smette di riservare brutte sorprese: due tonnellate di PCB in forma liquida e di peci sono scomparsi dal deposito temporaneo interno. Scoop di Andrea Tornago su "Domani" (Caffaro2021PCBScomparsi.pdf). 

                                                                                                                                                 

27 febbraio: Torna d'attualità l'annosa questione dei "parchi mediamente inquinati" del Sin Caffaro, che continuano ad essere aperti al pubblico, ponendo a rischio la salute degli utenti. Ora a dirlo è l'Istituto Superiore di Sanità con l'analisi di rischio, richiesta già 8 anni fa: vi è un rischio non accettabile per gli utenti. Medicina democratica, il Tavolo Basta Veleni e Comitati di cittadini chiedono che venga immediatamente modificata l'Ordinanza sindacale chiudendo al pubblico questi parchi (CaffaroOrdinanza2021AnalisiRischioIss.pdf).  
La questione viene ripresa da un servizio di Andrea Tornago su "Domani"  

(
CaffaroOrdinanza2021AnalisiRischioDomani.pdf
).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       febbraio 2021: Continua la battaglia del Tavolo Basta veleni per una migliore qualità dell’aria: denunciato l’orribile febbraio con 10 giorni consecutivi di superi; autorità silenti,.. in attesa del venticello primaverile (PM10Brescia2021InizioOrribile.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                      febbraio 2021: Pubblicati diversi materiali utili ad approfondire la “crisi ecologica”:

- On line il n. 43 della rivista "Altronovecento. Ambiente tecnica società" della Fondazione Luigi Micheletti. Molti documenti e saggi dedicati al cinquantesimo dell'anno cruciale dell'ambientalismo, il 1970, quando sbocciò la "primavera ecologica" e sembrava che l'umanità fosse davvero impegnata a far pace con la natura. Invece la Terra , forse, non mai è stata così maltrattata come oggi.  (http://www.fondazionemicheletti.it/altronovecento/Default.aspx?id_articolo=43).

- A questo proposito, sono apparse alcune recensioni del libro di Pier Paolo Poggio e Marino Ruzzenenti, "Primavera ecologica" mon amour. Industria e ambiente cinquant'anni dopo. Una riflessione sul perché dopo mezzo secolo ci troviamo ancora in piena crisi ecologica. (PrimaveraEcologicaRecensioni2021.pdf

- Una scheda per fare il punto su un vecchio e controverso slogan, oggi spesso riproposto come una novità dal sistema delle imprese e da una politica smemorata: sviluppo sostenibile (SviluppoSostenibileAsini2021.pdf).

- Ancora la pandemia da Covid 19 al centro di un ricco dossier di "Missioneoggi": eminenti studiosi, capaci di rigore scientifico, di indipendenza dai poteri e di passione per l'umanità e l'ambiente, ci aiutano a capire come dovrebbe cambiare il mondo, se sapessimo apprendere la lezione di questa tragedia.  (PandemiaRipensareMondoMissioneoggi2021.pdf

- Nella grande discussione, spesso fatta di vuote parole che nascondono pesanti  interessi economici, sull'annunciata "transizione ecologica" stride e fa soffrire il silenzio di uno storico e un tempo importante soggetto sociale: il movimento sindacale  (EcologiaPoliticaSindacatoAsini2021.pdf

 



15 febbraio 2021: Il Tar blocca l'integrazione di Aeb della Brianza da parte di A2A: a rischio  l'intera  politica di A2A di acquisizione di multiutility in Lombardia e Veneto (A2ATar2021.pdf).  Anche il 2020 si era chiuso male per A2A: L'Amministratore delegato di A2A, Renato Mazzoncini, il 22 dicembre, è stato rinviato a giudizio dal tribunale di Parma per   turbativa d’asta, nell'appalto per il trasporto pubblico (A2AMazzonciniRinvioAGiudizio.pdf).





                                                                                                                                              14 febbraio 2021: 
Si scopre, con un ritardo di venti anni, che nella popolazione bresciana vi è un nesso tra la contaminazione da PCB  della Caffaro e l'alta incidenza di tumori al fegato: meglio tardi che mai! 
(CaffaroTumoriFegato2021.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

13 febbraio 2021: Si ri-scopre per la terza volta  il “caso Caffaro” con un clamoroso sequestro che inquieta il "sistema Brescia": la Magistratura interviene per imporre ciò che doveva essere  fatto negli anni dall'Autorità competente, ovvero la tenuta in sicurezza d'emergenza del sito. Va subito potenziata la barriera idraulica e vanno interrotti i percolamenti di sostanze tossiche dallo stabilimento (cromo VI, mercurio...).  Ma è anche l'occasione per rimettere in careggiata tutta la gestione del "Sin Caffaro" dopo un ventennio fallimentare (CaffaroBonifica2021Sequestro.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

5 febbraio 2021:  La notizia è davvero clamorosa: Brescia detiene il record europeo di morti per l’aria inquinata da PM2,5. Sono 232 le vittime evitabili ogni anno, ma a Brescia Comune e istituzioni fanno carte false per negare la drammatica realtà  (AriaBresciaPm2,5RecordMorti2021.pdf). 




news      2020

 

10 novembre 2020: Infine è giunta l'ennesima condanna della Corte di Giustizia dell’Unione europea nei confronti dell’Italia perché ha violato il diritto Ue sulla qualità dell’aria. Brescia, ovviamente, è una delle aree critiche incriminate.   (PM10CondannaUe2020.pdf).

10 settembre 2020: On line il n. 42 della rivista fondata da Giorgio Nebbia "Altronovecento. Ambiente tecnica società" della Fondazione Luigi Micheletti. Molti saggi di grande interesse sui temi ambientali e della pace nel mondo  (http://www.fondazionemicheletti.it/altronovecento/Default.aspx?id_articolo=42).

 

 

31 agosto 2020:  Pubblicato l’aggiornamento dell’inchiesta sul business dei rifiuti a Brescia: poche le buone notizie, troppe le cattive (TerradeifuochiBrescia2020.pdf).

 

24 agosto 2020:   il Rapporto Ispra sul consumo di suolo colloca la Provincia ed il Comune  Brescia ai primi posti in Lombardia per consumo di suolo nel corso del 2019: un poco onorevole record nella devastazione del territorio (SuoloBresciaConsumo2020.pdf).

 

6 agosto 2020:   In occasione del 75° anniversario di Hiroshima, utile un aggiornamento sia sullo stato degli arsenali nucleari in Italia, 20 a Ghedi e 20 ad Aviano, sia in generale sui circa 13.400 ordigni atomici complessivamente operativi nel mondo (AtomicheGhedi2020Situazione.pdf). Va ricordato che nel 2015 una sospetta cellula terroristica operante in Italia e appartenente allo Stato Islamico, arrestata dalla polizia, stava presumibilmente pianificando un attacco contro la aereobase di Ghedi. L’aggiornamento della sicurezza degli arsenali atomici della Nato ha richiesto negli ultimi anni investimenti per centinaia di milioni di dollari. Questi due dati, minaccia di attentati e spropositati investimenti in sicurezza, rendono evidente l’immane pericolo potenziale che le atomiche di Ghedi rappresentano per la popolazione bresciana. (AtomicheGhedi2015MinacciaAttentati.pdf).   

 

4 agosto 2020: Si rimette in moto la parziale bonifica della Caffaro.   Il 19 maggio la Conferenza dei servizi istruttoria valuta il cosiddetto Piano Operativo di Bonifica (POB) del sito industriale alla luce delle severe critiche ed osservazioni avanzate da Arpa e condivise da Ispra (CaffaroBonifica2020Arpa.pdf): dopo una lunga e a tratti molto accesa discussione il documento dell'Arpa viene sostanzialmente acquisito (CaffaroBonifica2020MinAmbIstruttoria.pdf). Il 18 luglio il Tavolo Basta veleni, Medicina democratica e altri Comitati inviano alle Autorità una Nota tesa, da un canto, a rafforzare ulteriormente le tutele ambientali e sanitarie per i cittadini da adottare nel Piano esecutivo di bonifica dello stabilimento e, dall'altro, a denunciare l'irresponsabile opposizione dell'Autorità competente a procedere alla bonifica di giardini dell'esterno Caffaro, con livelli di diossine analoghi alla zona A di Seveso evacuata  (CaffaroBonifica2020PobGiardiniPrivati.pdf). Questa inadempienza è ancor più grave perché vi era già un progetto di bonifica elaborato da Sogesid e  finanziato da cinque anni (CaffaroBonifica2020AccordoProgramma2015.pdf CaffaroBonifica2020RelazioneSogesid2015.pdf). La Conferenza di servizi decisoria prevista per il 20 luglio, di fatto, mancando significative novità, non si è tenuta  (CaffaroBonifica2020MinAmbDecisoria.pdf), finchè il 4 agosto il Ministero dell'Ambiente ha dato formalmente il via alla procedura per elaborare il Progetto esecutivo di bonifica da mettere a gara (CaffaroBonifica2020MinAmbDecreto.pdf). Commento critico su "Il Manifesto" del 6 agosto (CaffaroBonifica2020Manifesto08.06.pdf). 

 

25 luglio 2020: Per A2A si ripetono episodi  non proprio onorevoli:   Il 7 maggio la stampa nazionale ci informa che  Linea Ambiente, società della galassia A2A con sede a Rovato, subisce un sequestro di 26 milioni di euro per presunto profitto illecito ricavato dall'ampliamento della discarica di Grottaglie in Puglia che, secondo l'accusa, sarebbe stato ottenuto in spregio alla legge con atti corruttivi   (A2ALineaAmbienteCorruzione2.pdf).  Sempre in maggio l'elezione del nuovo Amministratore delegato, Renato Mazzoncini, avviene tra le polemiche: i Pm di Parma hanno chiesto il suo rinvio a giudizio per tre reati: turbativa d’asta, rivelazione di documenti segreti e corruzione tra privati (A2AMazzonciniElezioneControversa.pdf). Il 20 giugno la stampa nazionale dà notizia che il Tar ha sospeso l'integrazione di Aeb della Brianza da parte di A2A, mettendo in crisi l'intera sua politica di espansione e di acquisizione di multiutility in Lombardia e Veneto (A2ATar2020.pdf). Infine, il 25 luglio, giunge notizia della scarsa sensibilità umana del nuovo corso di A2A: alla tradizionale commemorazione dei caduti per la costruzione delle centrali idroelettriche di A2A, Mazzoncini non si presenta, e il Presidente Patuano giunge... in elicottero!  (A2ANuovoCorso2020.pdf).       

 

luglio 2020: Sembra che le indagini della Magistratura sugli sversamenti in atto di mercurio e cromo esavalente dal sito industriale Caffaro siano vicini ad una svolta (Caffaro2020EmergenzaSitoIndustrialeMagistratura.pdf). Meglio tardi che mai. Per la Caffaro di Colleferro, dove il disastro ambientale è di gran lunga meno rilevante che a Brescia, la Magistratura ha fatto il suo dovere giungendo ad una prima condanna dei responsabili  (CaffaroColleferroCondanna.pdf).

 

5 maggio 2020: Il settimanale "L'Espresso" pubblica un reportage sul degrado ambientale e conseguenti effetti sulla salute nel Bresciano (AmbienteBrescia2020Espresso.pdf).

 

5 maggio 2020: A2A annuncia la "svolta green", abbandonando il carbone e potenziando l'inceneritore. A2A, per pura sete di profitto, continua imperterrita sulla via sbagliata  e retrograda dell'incenerimento dei rifiuti. Ma l’unica strategia virtuosa che guarda alla vera innovazione ed al futuro sarebbe abbandonare ogni combustione di rifiuti e di fossili e sviluppare le straordinarie potenzialità dell’energia solare  (A2ADecarbonizzazioneFasulla.pdf).

 

 

5 maggio 2020:   Secondo una ricerca effettuata dal 2000 al 2018 negli USA, con 5780 soggetti osservati, le concentrazioni ambientali di ozono e di ossidi d’azoto sono significativamente associate ad un aumento dei casi di enfisema, mentre è la presenza di ozono a peggiorare la funzione respiratoria (AriaSmog2020DanniRespiratori.pdf).

 

 

maggio 2020 Manuel Ghidini, studente dell'Accademia di Belle Arti di Brera, ha ideato una performance in cui ai cittadini viene offerta da degustare una polenta ai PCB, "orgoglio bresciano"!
(CaffaroPCBPolenta.pdf).  

 

 

aprile 2020:  Per verificare in tempo reale l’inquinamento atmosferico è disponibile on line una nuova piattaforma che consente di visualizzare le concentrazioni di biossido di azoto in tutto il mondo con  mappe, che utilizzano i dati del satellite Copernicus Sentinel-5P: https://maps.s5p-pal.com/

 

 

aprile 2020:  La rivista,  "Gli Asini", pubblica un saggio sull'esperienza del Tavolo Basta veleni di Brescia (BastaVeleniAsini2020.pdf). Del Tavolo Basta veleni, in febbraio, aveva scritto su "Nuova Ecologia", la rivista nazionale di Legambiente,  anche la giornalista d'inchiesta Rosy Battaglia (BastaVeleniNuovaEcologia2020.pdf). 

Del Tavolo Basta veleni e dello stato dell'ambiente nel Bresciano tratta un importante reportage fotografico del bolognese Gianluca Rizzello (https://www.gianlucarizzello.it/portfolio-base/veleni-di-brescia/)

Esce  il dossier di “Missioneoggi” che affronta, con opportuni approfondimenti critici, il tema dell'economia circolare  (EconomiaCircolareMissioneoggi2020.pdf).

 

 

marzo-aprile 2020:  Com'è noto, la pandemia da Covid 19 ha colpito con particolare virulenza il Bresciano, sollecitando alcune riflessioni  (PandemiaBresciaAsini2020.pdf; PandemiaSuLaTesta2020.pdf).

 

 

8 marzo 2020: Nonostante il Confinamento il Tavolo Basta veleni è costretto a denunciare lo scandalo di una città come Brescia, ancora priva di vere centraline di traffico, in spregio a quanto previsto dalla legge (PM10BresciaCentralineInattive2020.pdf).

                                           

19-22 febbraio 2020:  Il Tavolo Basta Veleni organizza una pantomima sull'Ordinanza del cavolo del Sindaco per promuovere un convegno sulla (mancata) bonifica Caffaro, previsto per il 22 febbraio (CaffaroConvegno2020OrdinanzaCavolo.pdf) (CaffaroConvegno2020RuzzenentiRelazione.pdf) (CaffaroConvegno2020CaldiroliRelazione.pdf)             (CaffaroConvegno2020MenapaceRelazione.pdf) (CaffaroConvegno2020GaffuriRelazione.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                             

12 febbraio 2020:  Finalmente il Comune, rosso di vergogna, decide di tagliare l'Imu ai contadini inquinati: una straordinaria vittoria del Tavolo Basta veleni e della giustizia ambientale. Ora avanti con il riconoscimento a tutto il "popolo inquinato"  dei diritti alla bonifica ed al risarcimento (Caffaro2020ImuAzzerata.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             


29 gennaio 2020: 
Anche il nuovo anno inizia con il  “caso Caffaro” alla ribalta: il Consiglio di quartiere di Chiesanuova organizza un incontro pubblico, occasione importante per chiarire la discussa questione della parziale riapertura degli orti alle coltivazioni e, soprattutto, per riproporre il tema della mancata bonifica dei terreni inquinati del Sin, surrogata  da un'Ordinanza del sindaco discutibile. (CaffaroBonifica2020Chiesanuova.pdf;CaffaroBonifica2020Ordinanza.pdf)
E per la prima volta si è affrontato il tema dei diritti del "popolo inquinato" (
CaffaroBonifica2020DirittiPopoloInquinato.pdf
).

26 gennaio 2020: Notizie di stampa annunciano pesanti sanzioni Ue in arrivo per l'eccessivo inquinamento dell'aria nel Bresciano, ma anche per la mancanza di depuratori delle acque (AriaBresciaSanzioniUe2020.pdf).

 

 
 

24 gennaio 2020: Il Tavolo Basta veleni presenta pubblicamente una puntuale piattaforma di interventi urgenti e strutturali per ridurre lo smog (AriaBresciaInterventiUrgenti2020.pdf)

 

 
 

15 gennaio 2020: Il nuovo anno, prima del confinamento per il Covid 19, inizia con la consueta emergenza PM10, che il Comune di Brescia, supportato dalla Regione, cerca di minimizzare escludendo dalla media dell'area critica l'unica centralina di traffico, Rezzato (PM10Brescia2020Imbrogli.pdf). 

 

 

12 gennaio 2020: viene indetta da diversi comitati e con il sostegno del Tavolo Basta veleni una  grande manifestazione contro il progetto di depuratore del Garda che scaricherebbe   nel martoriato fiume Chiese, mentre vi sono alternative molto meno impattanti sull'ambiente e meno costosedue lunghi cortei con  migliaia di cittadini convergono sul luogo destinato ad ospitare l'impianto (GardaDepuratoreManifestazione2020.pdf). La manifestazione fu preparata da diverse iniziative pubbliche finalizzate a sensibilizzare la popolazione (GardaDepuratore2019Iniziative.pdf) e seguita da una dura polemica dei Comitati sia nei confronti del Ministero dell'Ambiente che delle istituzioni locali, sordi alle ragionevoli istanze delle popolazioni interessate (GardaDepuratore2020ComitatiCritici.pdf). Intanto il 26 gennaio 2020, la stampa locale dava notizia dell'incombente sanzione dell'Ue per le carenze nella depurazione delle acque di cui ancora soffrono alcuni territori del Bresciano (Depuratori2020UeSanzioni.pdf).

 

  

Fine 2019 - gennaio 2020:  La Rai si occupa delle vicende ambientali nel Bresciano (AmbienteBrescia2020ServiziRai.pdf).


news    2018

news    2017

                                                                                                                                              

 

news    2012

news    2011
news 2010

news 2009



 news2008


news2007