HOME CHI SIAMO STATO DELL’AMBIENTE I “CASI” DIDATTICA LINK NEWS

   news    2013


5 novembre 2013: I Comitati ambientalisti presentano le Osservazioni alla nuova Aia richiesta da da A2A-Aprica per l'inceneritore: chiudere la terza linea, inutile e dannosa alla salute (InceneritoreApricaAiaComitati.pdf)

 

 

28 ottobre 2013:   Medicina democratica e diversi Comitati ambientalisti di Brescia inviano una Nota urgente alle Autorità competenti sulla necessità di rivedere l'Ordinanza sindacale sull'uso dei suoli laddove aumenta di decine di volte i limiti "accettabili", senza alcuna analisi di rischio.  Questa operazione, infrangendo la legge, potrebbe mettere a rischio la salute dei cittadini e compromettere le prospettive di bonifica   (CaffaroOrdinanza2013Nota.pdf). 

 

 

Fine ottobre 2013: Tra luglio e ottobre diversi organi di stampa nazionale ("Donna Moderna", "Venerdì di Repubblica", "il Manifesto", "Oggi")  accendono i riflettori sul "caso  Caffaro" (CaffaroStampaNazionale2013.pdf)

 

 

 

16 ottobre 2013: Il 2013 è anche l'anno degli studi sugli effetti delle PM10 per la salute umana. Vengono resi pubblici diversi studi, due prodotti proprio a Brescia, due pubblicati sulla prestigiosa rivista “Environmental Health Perspectives” e uno da "The Lancet": questi studi confermano gli effetti nocivi delle PM10, del particolato più fine PM2,5 e ultra fine PM0,5 sia sull'insorgenza di tumori, sia sui tassi di ospedalizzazione, sia sulla modifica del Dna in particolare nei bambini.  Questi ed altri studi che si sono sviluppati negli ultimi anni hanno indotto l'Agenzia internazionale di ricerca sul cancro dell'Oms a inserire, il 16 ottobre, l'inquinamento dell'aria in classe 1, cancerogeno certo per l'uomo (PM10Salute2013.pdf). 

 

14 - 15 ottobre 2013: Si è tenuto a Brescia, promosso dalla Fondazione Micheletti e con il patrocinio del Comune di Brescia, l'importante convegno nazionale sulla bonifica dei siti inquinati, "Puliamo l'Italia". Significativa la partecipazione di pubblico, di numerosi studenti degli Istituti superiori e di rappresentanti di diversi Sin da tutta Italia. In quest'occasione si è costituito anche il Coordinamento Nazionale dei Siti Contaminati
Informazioni, relazioni e documenti al link:
 
http://www.industriaeambiente.it/convegno_sin/default.asp

 

                                                                                                                                                2 ottobre 2013: Alcuni comitati hanno sottoposto al nuovo Assessore all'Ecologia Gianluigi Fondra un corposo Dossier sulle emergenze ambientali nel comune di Brescia   (BresciaStatoAmbiente2013.pdf).  

 

 

1 ottobre 2013: Torna all'attenzione dell'opinione pubblica il problema antico e mai risolto della  contaminazione da cromo VI dell'acqua di Brescia. Uno studio internazionale sui tumori indotti dall'acqua potabile inquinata da cromo VI  (AcquaCromoVITumoriGrecia2011.pdf) pone seri interrogativi anche per gli effetti sulla salute della situazione di Brescia  (AcquaCromoVITumoriBrescia2013.pdf).                                                                                                                                                                                                  

30 settembre 2013: A riprova di quanto spesso l'Ordinanza sindacale non sia rispettata, viene sequestrato un campo di soia nel sito Caffaro. (CaffaroSoiaSequestro2013.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                 

11 settembre 2013: Un grande fotografo d'inchiesta Livio Senigalliesi ci mette in contatto con la contaminazione da diossina prodotta dagli Usa con l'Agent Orange nella guerra in Vietnam. Dal confronto con Brescia - Caffaro due notizie. Una cattiva: i livelli della contaminazione lasciata in Vietnam dalla guerra chimica sono analoghi a quelli di Brescia (CaffaroBresciaVietnam2013.pdf). 
Una buona: per la
bonifica della diossina viene impiegata una nuova tecnologia innovativa che potrebbe essere molto interessante per il Sito Caffaro. (CaffaroBresciaVietnam2013Bonifica.pdf). 

 

 

8 settembre 2013: La nuova Ordinanza sindacale sui divieti negli usi dei terreni del Sito Caffaro continua a sollevare perplessità e critiche: è oggetto di rilievi critici da parte di Legambiente, mentre un'interpellanza parlamentare di alcuni deputati del M5S ne fa un caso nazionale; anche l'epidemiologo Paolo Ricci manifesta il suo dissenso (CaffaroOrdinanza2013Critiche.pdf). 

 

 

28 agosto 2013: Emilio Del Bono, nuovo sindaco di Brescia, si è confrontato con centinaia di cittadini, in un dibattito intenso e franco, alla festa di Radio Onda d'urto (CaffaroOndaUrto2013BsO.pdf)(CaffaroOndaUrto2013Corr.pdf)

 

                                                                                                                                                 26 agosto 2013: L'epidemiologo Paolo Ricci torna sulla questione dei tumori a Brescia in relazione all'inquinamento del Sin Caffaro  (CaffaroTumoriRicci2013.pdf)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

25 luglio 2013: Viene emanata la nuova Ordinanza sindacale sui divieti negli usi dei terreni del Sito Caffaro. (CaffaroOrdinanza2013.pdf). 
Sconcerto per l’
innalzamento dei limiti accettabili da 10 a 80 volte (CaffaroOrdinanza2013Commento.pdf), nonostante l’Analisi di rischio dica il contrario (CaffaroAslAnRischio2003.pdf).  Anche il processo di bonifica rischia di essere compromesso dalla conseguente  sottovalutazione della gravità dell’inquinamento (CaffaroOrdinanza2013Mappa.pdf
).

 

                                                                                       

3                luglio 2013: i Comitati presentano alla stampa la Diffida inviata all'Asl perchè si rifiuta ancora una volta di svolgere le indagini, chieste dalla Regione, sulle diossine nei prodotti orticoli attorno all'inceneritore A2A. L'Asl sembra essere rimasta a Brescia l'ultimo giapponese  in difesa strenua dell'inceneritore. (InceneritoreDiffidaAsl2013.pdf).                                                                                                                                                                                 

Fine giugno 2013: Viene annunciata la definitiva chiusura anche della "nuova Caffaro". Tra pochi mesi la città di Brescia dovrà affrontare una straordinaria emergenza ambientale. Ci si sta preparando?  (CaffaroChiusura2013Corr.pdf) (CaffaroChiusura2013GdBs.pdf).

 

 

24   giugno 2013:  "Sin Brescia Caffaro": Medicina democratica e diversi Comitati ambientalisti di Brescia inviano una Nota alle Autorità competenti sulla necessaria revisione in senso restrittivo dei limiti per i PCB nei terreni, ora cancerogeni certi per l'uomo, e sulla necessità di misurare anche i PCB-diossina simili  (CaffaroPCBNuoveIndagini2013.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                     

22 giungo 2013:  Per i rifiuti urbani una puntuale analisi critica dell'ingegner Massimo Cerani sulla qualità della raccolta differenziata in provincia di Brescia: senza il "porta a porta" pochi risultati e per di più scadenti (RifiutiBresciaRd2013Cerani.pdf).

 

 

15 giugno 2013: Continuano le proteste dei cittadini inquinati: il 26 aprile viene inviata una Diffida al sindaco (CaffaroProtesteDiffida2013.pdf); il 1° giugno altra manifestazione per la scuola primaria Deledda (CaffaroProtesteDeledda2013.pdf); infine il 15 giugno una nuova Ecoparade contro le nocività e per le bonifiche. (CaffaroProtesteEcoparade2013.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                   31 maggio 2013: L'ambiente influenza la salute umana in vari modi, secondo il rapporto Ambiente e salute umana 2013 pubblicato dall'Agenzia europea dell'ambiente (AEA) Diversi nuovi rischi per la salute stanno emergendo, per esempio, da nuove sostanze chimiche e da nuovi prodotti (UeAmbienteSaluteUmana2013.pdfUeAmbienteSaluteUmana2013integrale.pdf).                                                                                                                                                                                                                                      

30  maggio 2013:  Sulla problematica della mancata bonifica del sito Caffaro viene inviata alla Commissione Ue  la quinta integrazione alla Denuncia  CHAP(2012)01389 per inadempimenti del diritto comunitario. 
(CaffaroUe2012Integrazione5.pdf).  

 

27  maggio 2013:  La primavera 2013 è segnata da un susseguirsi di iniziative pubbliche, di manifestazioni e proteste dei cittadini inquinati del sito Caffaro. Dopo le elezioni la nuova Amministrazione sarà messa alla prova. (CaffaroIniziativeProteste2013.pdf).  

 

 

24 maggio 2013    : Altre clamorose conferme che l’Ordinanza sindacale non è in grado di evitare l’esposizione della cittadinanza ai contaminanti, che, tra l’altro, continuano a fuoriuscire dalla Caffaro. (CaffaroOrdinanzaDisattesa.pdf).

 

 

22 maggio 2013: Anche la vicenda della megacentrale turbogas di Offlaga viene definitivamente archiviata  (CentraleOfflagaArchiviazione2013.pdf).

 

 

 

22 maggio 2013: Si continua a discutere sul possibile rapporto tra contaminazione da PCB e insorgenza di alcuni tumori a Brescia: al sostanziale “negazionismo” dell’ambiente sanitario  bresciano controbattono epidemiologi ed esperti nazionali (CaffaroTumoriDibattito2013.pdf).    

 


21  maggio 2013:  Positivo riscontro alla Lettera aperta alle candidate e ai candidati a sindaco.  Con alcune precisazioni (CaffaroLetteraCandidatiSindacoRisposte.pdf).  

 

 

 

 

 

 

maggio 2013:  In relazione alla proposta di legge di iniziativa popolare "Rifiuti zero", si sviluppa la discussione sul trattamento del residuo finale a valle della raccolta differenziata: in questo contesto è stata proposta una nuova tecnologia  (RifiutiNuovaTecnicaMRTB.pdf), che merita alcune osservazioni  (RifiutiNuovaTecnicaMRTBOsservazioni.pdf)

 

 

 

maggio 2013:  Nel corso della campagna elettorale Entra in campo anche una fantomatica Associazione Brescia Progress, in verità poco credibile nelle sue proposte energetiche a causa dei solidi legami in passato con Asm-A2A: le nostre critiche puntuali non hanno ricevuto risposta  (EnergiaAlternativa2013BresciaProgress.pdf). 




6  maggio 2013:
  La "riscoperta" del caso Caffaro ripropone in modo ancor più stridente la  posizione "negazionista" dell'Asl di Brescia: la contaminazione elevatissima c'è, PCB e diossine sono sostanze altamente tossiche e cancerogene certe per l'uomo, ma senza effetti sulla salute dei bresciani  (CaffaroAsl2013.pdf). C'è perfino chi nell'Asl nega che la contaminazione da PCB e diossine provenga dalla Caffaro...  (CaffaroAcciaierie2013.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    
2  maggio 2013:  La popolazione inquinata del "Sito Caffaro" non accetta più l'Ordinanza della vergogna, reiterata di 6 mesi in 6 mesi per 11 anni, e che vieta qualsiasi uso dei suoli. Basta leggerla per capire che è stata usata per coprire l'inettitudine delle istituzioni e come "alternativa" alla bonifica. Così è continuata  l'esposizione della popolazione a PCB e diossine, "costretta", ovviamente, a non rispettarla.  (CaffaroOrdinanzaVergogna2013.pdf).                                                                                                                                                

 

29 aprile maggio 2013:  Italia Nostra di Brescia chiede alle Autorità competenti di intervenire perchè venga impedita la diffusione dell'inquinamento da PCB a sud del "sito Caffaro" (CaffaroAcqueItaliaNostra2013.pdf).                                                                                                                                                

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          15 aprile 2013:  Domenica sera 5 maggio un grande evento di musica, spettacolo e...ambiente.   Sull'onda della "riscoperta" del caso Caffaro tutti al Palabrescia  a divertirsi, ma anche a riflettere  (AmbienteMusicaPalabrescia2013.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             4 aprile 2013:  Dopo la "bomba mediatica" di Presadiretta di Rai3 una Lettera aperta alle candidate e ai candidati a sindaco di Brescia per aggredire finalmente e definitivamente il tema della bonifica Caffaro impegnando unitariamente tutte le forze politiche locali  (CaffaroLetteraCandidatiSindaco2013.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                       31 marzo  2013:  Presadiretta di Rai3 dedica una puntata di magistrale giornalismo d'inchiesta al "Caso Brescia - Caffaro", con servizi curati dallo stesso Riccardo Iacona e da Rebecca Samonà e i bresciani "scoprono" di nuovo il disastro ambientale da PCB (CaffaroPresadirettaReazioni.pdf). 
In quell'occasione il dottor Paolo Ricci rende pubblici i  nuovi dati sui tumori a Brescia, presentati a Bolzano il 21 marzo in un convegno nell'ambito del progetto Sentieri
(CaffaroTumoriSentieri2013.pdf). Viene anche ripresa la storia dell'analogo disastro di Anniston - Alabama, la fabbrica madre dei PCB della Monsanto, ed il confronto con il "caso Seveso" (CaffaroBresciaSeveso2013.pdf). 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

15 marzo  2013:  "Thelancet.com" pubblica la notizia, molto preoccupante per il "Sito Brescia - Caffaro", che lo Iarc, l'Istituto per la ricerca sul cancro dell'Organizzazione mondiale della sanità, la massima autorità internazionale in materia, ha rivalutato la cancerogenicità dei PCB: i PCB, che prima erano inseriti nel gruppo 2a (probabilmente cancerogeni per l'uomo), ora vengono inseriti nel gruppo 1 (sicuramente cancerogeni per l'uomo), come le diossine. (CaffaroPCBCancro2013.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           

14 marzo  2013:  Nella zona Sud di Brescia, all'interno del sito Caffaro, assemblea pubblica, "Brutta storia: i tumori aumentano", con l'oncoematologo infantile Fulvio Porta. Presentato un aggiornamento sul "sito Caffaro": record mondiale di contaminazione da diossine e PCB (CaffaroDiossineRecord2013.pdf).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            

7 febbraio  2013:  Anche nel 2012 le PM10 a Brescia sempre 3 volte i limiti di legge. L’Ue condanna l’Italia, ma la nostra Magistratura l’assolve: dobbiamo rassegnarci?  (PM10Brescia2012.pdf). 

 

 
5 febbraio  2013:
  Viene resa pubblica la Relazione definitiva dell’ispezione dell’Arpa all’inceneritore A2A-Aprica, già Asm: troppi i rilievi e le inadempienze per un impianto celebrato come “il migliore del mondo”  (InceneritoreArpa2012Commento.pdf). 

 

1 febbraio  2013:  A2A-Aprica ripropone la tecnologia superata, datata 40 anni, del teleriscaldamento basata sui fossili e sugli sprechi. Gli ambientalisti pongono 10 domande  cui i “parrucconi” di A2A non sanno rispondere  (TeleriscaldamentoCrisi2013.pdf). 


Febbraio 2013: Si torna a parlare del “caso Caffaro”: un’overdose di diossine assunta dal neonato del sito Caffaro attraverso il latte materno contaminato, pari a 441 volte oltre il limite. (CaffaroDiossineLatteMaterno.pdf). Dopo oltre 11 anni di mancata bonifica si riprende con difficoltà da un fazzoletto di terra (CaffaroBonificaNullo2013.pdf); I contadini inquinati e mai risarciti ora devono pagare l’Imu sui terreni: oltre il danno la beffa (CaffaroContadiniImu2013.pdf); la falda sotto la Caffaro preoccupa sempre: per ora sembra che tutto regga. Ma fino a quando?  (CaffaroFalda2013.pdf). Il 14 febbraio viene inviata alla Commissione Ue la quarta integrazione alla Denuncia per inadempimenti del diritto comunitario  (CaffaroUe2012Integrazione4.pdf)

                                                                                                                                                                                                                                                                                        Febbraio 2013: Il Comitato “Cambiarotta”, che da anni si batte contro l'inutile aeroporto di Montichiari, ripropone all'attenzione dei partiti il tema della chiusura  (MontichiariAeroportoChiusura.pdf).

                                                                                                                                                                                                                                                                                                31 gennaio  2013:  Anche a Brescia si può pensare ad un Piano energetico solare alternativo alle paleotecnologie  basate sulle combustioni inquinanti di fossili e rifiuti di marca A2A-Aprica (EnergiaBresciaAlternativa2012.pdf).